USO PROFESSIONALE DEL MECCANISMO DI FISCHIO | THE VOICELAND
Home / PRIMAPAGINA / USO PROFESSIONALE DEL MECCANISMO DI FISCHIO

USO PROFESSIONALE DEL MECCANISMO DI FISCHIO

Oggi su TheVoiceLand un articolo dedicato all’approfondimento sul quarto meccanismo di vibrazione laringea a cura di Antonio di Corcia e Franco Fussi. Qui di seguito introduzione e il link per scaricare gratuitamente l’articolo completo in formato PDF

– Introduzione all’indagine del Meccanismo 3 –

i Meccanismi laringei

Per porre le basi alla comprensione del presente studio tecnico/descrittivo, il cui scopo è stato quello di indagare le modalità fisiologiche (di seguito definite comportamenti laringo-risonanziali) che portano alla formazione dell’ambito tonale sovracuto di una estensione vocale, è necessario partire dal concetto di meccanismo vibratorio laringeo per descrivere le diverse configurazioni che il vibratore laringeo mostra lungo una estensione vocale.

Se chiediamo a un soggetto la produzione di un glissando ascendente senza specifiche richieste di qualità estetica, possiamo osservare diversi eventi che interrompono una regolare evoluzione della frequenza visibili nell’analisi spettrografica come alterazioni delle curve armoniche correlabili ad una breve elevazione della Fo. I confini tra i meccanismi sono definiti come fenomeni di rottura o discontinuità vibratoria che possano essere individuati all’analisi del segnale EGG, indipendentemente dal fatto che siano udibili o meno. L’Elettroglottografia (EGG) è una tecnica non invasiva appropriata a focalizzare l’attenzione nell’ambito della sorgente laringea, in quanto basata sul monitoraggio della conduttanza tra le corde vocali durante la loro vibrazione (più grande è il contatto, più grande è l’ampiezza del segnale EGG), analizzandone tutte le 4 fasi del ciclo vibratorio (closing phase, closed phase, opening phase, open phase).

Un meccanismo, dunque, si differenzia dall’altro in funzione del tempo di contatto glottico (o quoziente di chiusura), oltre che dall’evidente modificazione della vibrazione dell’onda mucosa.

In definitiva, la produzione dell’intera estensione fisiologica umana è regolata da quattro meccanismi di vibrazione laringea, numerati da 0 a 3, qui descritti in maniera approssimativa:

m0 (fry) – m1 (modale) – m2 (falsetto) – m3 (fischio).

Si delineano brevemente le principali caratteristiche per meccanismo laringeo:

m0 – contatto glottico stimato intorno al 70% del ciclo vibratorio, dovuto alla forte contrazione del muscolo vocale che accorcia le corde ed aumenta la massa, oltre che l’adduzione cordale stessa;

m1 – contatto glottico stimato intorno al 60-40% del ciclo vibratorio; ampia e regolare vibrazione dell’onda mucosa e prevalente lavoro del tiroaritenoideo;

m2 – contatto glottico al di sotto del 40% del ciclo vibratorio, con riduzione della vibrazione al bordo cordale e assottigliamento della massa dovuto all’intervento prevalente del cricotiroideo, il quale tende passivamente le corde destabilizzando l’adduzione dei cricoaritenoidei laterali, ma non necessariamente del interaritenoideo, abbassando così il tempo di contatto;

m3 – due le matrici laringee osservate ed indagate in questo studio:

1) Fischio Laringeo – assenza di contatto glottico con relativa assenza di segnale in EGG e ridottissima vibrazione dell’onda al bordo cordale – prevalente azione del cricotiroideo;

2) Stop_closure Whistle – chiusura glottica serrata con apertura di fischietto frontale (così chiameremo il minuscolo orifizio anteriore rilevabile tra i bordi delle corde vocali nell’emissione in registro di fischio), assenza totale di segnale in EGG e di vibrazione dell’onda mucosa – prevalente azione dei muscoli aritenoidei.

Esiste un range di circa un’ottava in cui possiamo scegliere se emettere in m1 o in m2 in accordo con i canoni estetici/didattici dello stile adottato, ed è stata verificata la possibilità del m3 di sovrapporsi e complementarsi con gli altri meccanismi, considerando i reali ambiti tonali di “giurisdizione” di ciascun meccanismo.

Contrariamente ad altri meccanismi una sovrapposizione tra M0 – M1 non sembra esistere.

 GUARDA IL VIDEO SU PANIDEA LAB

About alberthera

Check Also

BAD SINGER

BAD SINGER: STORIA DI UN AMUSICO

Sapete che cos’è l’amusia congenita? “Bad singer” è il libro che fa per voi per …

Translate »