LE MONDINE E IL LORO CANTO

LE MONDINE

8 Marzo, un giorno in cui si festeggia la donna e la sua libertà. Oggi dedico a voi donne queste parole ricordando le mondine e i loro canti.

Le mondine erano le donne che lavoravano nelle risaie che avevano il compito di pulire il riso e strappare il giaveno, un’ erba molto dura. Le ore di lavoro erano molte, dall’alba al tramonto e i momenti di dialogo erano intervallati da numerosi canti ove i racconti variavano da testi  che narravano le fatiche del lavoro e della vita quotidiana, a semplici canti in cui si parlava di momenti felici, oppure si descrivevano personaggi storici dell’epoca.

La trasmissione di questi canti avveniva per via orale, dalle donne lavoratrici più anziane alle più giovani, proprio nei momenti della “monda” oppure nei piccoli momenti di svago che tendenzialmente erano a fine giornata. Oggi ,quando passo con la mia auto nelle terre del vercellese dirigendomi verso casa dei miei genitori, immagino sempre le figure di queste donne intente a lavorare, e di come abbiano fatto a sopportare tante fatiche e umiliazioni. Sottopagate, costrette a lavorare in condizioni pessime e a sottostare al volere dei sorveglianti o ai caposquadra per guadagnare una paga misera. Riflettendo devo ammettere che forse invece di festeggiare dovremmo ricercare valori come il rispetto per il lavoro, la libertà e la tutela dell’essere umano.

Vi vorrei segnalare per gli appassionati di canto popolare questo libro scritto da Placida Staro dal titolo

Lasciateci passare siamo le donne. Il canto delle mondine di Bentivoglio

Vi riporto qui di seguito l’abstract per comprendere la bellezza di questo libro:
“I repertori di canto delle mondine rappresentano superficialmente, nell’immaginario collettivo, la lontana memoria di una originale tradizione musicale. Sono invece specchio di una realtà culturale e sociale nemmeno tanto lontana se il gruppo delle mondine dì Bentivoglio, in provincia di Bologna, vanta ancora il proprio diritto di continuare a trasmettere, lontano dagli stereotipi del revival di maniera, non solo il canto, ma la complessità di una cultura che, seppur faticosamente, vuole sopravvivere e tramandarsi. Il libro e il Cd audio curati da Placida Staro riportano, attraverso la registrazione di una serata dal vivo, il tentativo di riflettere sulle modalità stilistiche e comunicative del canto corale a distesa della pianura bolognese. Un canto che le stesse protagoniste definiscono urlato per sottolinearne le implicazioni di antagonismo sociale e politico che l’hanno, fra l’altro, reso protagonista delle stagioni del canto politico del periodo 1960-1980.”

About alberthera

Check Also

VOICE CIRCUS-LA VOCE CHE DANZA!

VOICE CIRCUS – “La voce che danza” Per la prima volta in Italia un evento …

Select your languages