AMUSIA: SCOPRI COSA SIGNIFICA | THE VOICELAND
Home / PRIMAPAGINA / AMUSIA: SCOPRI COSA SIGNIFICA

AMUSIA: SCOPRI COSA SIGNIFICA

Isabelle Peretz, tra i massimi esperti di neuroscienze della musica, ci insegna che siamo nati per essere musicali. Già i neonati rispondono a proprietà astratte relative al pitch musicale e alla struttura del tempo, quali cambiamenti di tonalità o interruzioni del beat musicale. Inoltre i bambini si muovono in modo spontaneo in relazione alla musica.
C’è però una grande varietà tra le varie persone in relazione alla musicalità e a questo proposito oggi parleremo dell’amusia congenita (cioè presente sin dalla nascita) che riguarda circa l’1,5% della popolazione (Peretz & Vuvan, 2017).
L’amusia congenita consiste in un deficit nell’elaborazione musicale (Zarate,2013)  Si manifesta ad esempio nell’ incapacità di comprendere se chi sta cantando è intonato oppure nella difficoltà nel riconoscere e cantare una melodia familiare senza l’aiuto delle parole.
Ciò che è importante sottolineare è che l’amusia congenita emerge in modo isolato da altri tipi di deficit con una normale comprensione del linguaggio e dei suoi aspetti prosodici (Zarate, 2013).
Per questo viene paragonata alla dislessia, alla prosopoagnosia o alla discalculia.
Ma cosa avviene nel cervello di chi ha amusia congenita?
Sono state fatte molte ricerche sui correlati neurali dell’amusia congenita (Peretz, 2008). Un dato interessante è stata l’osservazione di una riduzione della sostanza bianca a livello del fascicolo arcuato destro (Wilbiks et al., 2016) ovvero la struttura che connette il giro temporale superiore con il giro frontale inferiore(Peretz, 2016).

Riferimenti bibliografici:

Jonathan M. P. Wilbiks, Dominique T. Vuvan, Pier-Yves Girard, Isabelle Peretz and Frank A. Russo (2016) Effects of vocal training in a musicophile with congenital amusia. NEUROCASE, 2016 VOL. 22, NO. 6, 526–537
Zarate, J. M. (2013). The neural control of singing. Frontiers in Human Neuroscience, 7, 237. doi:10.3389/fnhum.2013.00237
Isabelle Peretz, Dominique T Vuvan (2017) Prevalence of congenital amusia. European Journal of Human Genetics (2017), 1–6
Peretz,I. Musical disorders: From behavior to genes. Current Directions in Psychological Science (2008)
Peretz I. “The neurobiology of congenital amusia” Trends in Cognitive Sciences (2016) DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.tics.2016.09.002 

About Vanessa Candela

Check Also

BAD SINGER

BAD SINGER: STORIA DI UN AMUSICO

Sapete che cos’è l’amusia congenita? “Bad singer” è il libro che fa per voi per …

Translate »